Indirizzo:
CASA BOSSI, Via Pier Lombardo 4, Novara

LE NOTTI DI CABIRIA A CASA BOSSI

RASSEGNA TEATRALE A CURA DI CABIRIA TEATRO

Direzione artistica a cura di Mariano Arenella/Elena Ferrari
in collaborazione con il Comitato d’amore Casa Bossi

 

Perchè questa rassegna?

“Una rassegna teatrale che si pone l’obiettivo di sopperire a due forti mancanze in città: la presenza di piccoli spazi di sperimentazione teatrale e un’offerta teatrale estiva di alto valore e continuativa, il nostro scopo è quello di innescare dinamiche virtuose con effetti permanenti sul tessuto culturale e sociale della città. Altro obiettivo è quello di unire il mondo degli appassionati ed esperti di teatro a tutte le fasce di pubblico che invece ne rimane solitamente escluso.

Otto gli spettacoli in cartellone di cui 6 professionisti e 2 esiti di laboratori, da fine Giugno a metà Settembre. Gli spettacoli professionisti saranno di compagnie riconosciute del panorama teatrale nazionale e pluripremiate con importanti riconoscimenti, di elevata qualità e capacità di affrontare tematiche di forte impatto sociale e umano. Tutti gli spettacoli hanno una caratteristica comune: coinvolgono gli spettatori da subito, conducendoli poi in un percorso più alto e più profondo, ma rimanendo sempre accessibili a tutti.

I due esiti laboratoriali saranno il frutto di altrettanti percorsi che la compagnia porta avanti sul territorio con un due gruppi di cittadine e cittadini. Il primo in collaborazione con la Scuola del Teatro Musicale e il secondo con la Onlus Humanitas.”

 

Eventi pre-spettacoli

Lo spazio aprirà già dalle ore 19:00. Ogni spettacolo, come lo scorso anno, sarà preceduto da una serie di eventi finalizzati ad un duplice obiettivo: da un lato, attirare nuovo pubblico, tramite momenti performativi di danza e musica e altre forme di intrattenimento leggero come il cabaret, letture o piccoli sketch, dall’altro, approfondire il dibattito e la conoscenza dei temi trattati dallo spettacolo stesso, tramite incontri con esperti, convegni e conferenze tematiche pre-spettacolo. Naturalmente non potrà mancare il bar per un aperitivo o una cena. Vogliamo creare un clima conviviale e amichevole, in cui le persone non vedano solo lo spettacolo ma possano vivere un’intera serata ricca e variegata.

 

LE NOTTI PER TUTTI

La rassegna vuole essere aperta e fruibile da tutti, anche dagli spettatori non-vedenti. Si doteranno le persone non vedenti o ipovedenti di una cuffia bluetooth collegata ad un audio-descrittore/ice che descriverà tutto ciò che potrà rendere più efficace la comprensione dello spettacolo: movimenti, cambi scena, espressioni del viso e del corpo, costumi, e tutti gli elementi visivi fondamentali. “Le notti per tutti” è realizzato in collaborazione con Cabiria Teatro e Unione Ciechi e Ipovedenti Novara e sostenuto dalla Comunità Fondazione Novarese.

 

Perchè questo progetto?

“Il teatro è una nave che batte bandiera della libertà, ma al cui interno è regolata da schemi fissi e inamovibili”. Questo è un vecchio adagio che viene insegnato a chi inizia a muovere i primi passi su un palcoscenico, che ci ha fatto nascere tante domande. Proseguendo oltre nel nostro tentativo di creare un luogo inclusivo e aggregativo, ci siamo spesso chiesti perché i teatri fossero chiusi per chi soffre di disabilità visiva, e sonora. Il cinema e la televisione sono da anni pronti ad essere fruiti da tutti, il teatro no, ma in questo gioco di specchi e di rimbalzi semantici che è il teatro, migliore è la platea e migliore saranno anche gli spettacoli proposti, ergo, se vogliamo alzare il livello della qualità degli spettacoli proposti dobbiamo aggregare, integrare, includere e quindi, contemporaneamente, alzare il livello della convivenza sociale tra i cittadini. Personalmente siamo molto felici di aver conosciuto Pasquale Gallo e di poter realizzare con lui questo progetto, ne usciamo arricchiti e un po’ più consapevoli di una parte di cittadinanza che rimane solitamente ai margini e che ha tanto da insegnarci. Siamo sicuri che di questo arricchimento potranno giovarsi anche tutti gli spettatori vedenti de “Le notti di Cabiria”, destinatari del progetto quanto gli spettatori non vedenti. Perché il vero spettacolo in teatro non è sul palco, ma è sulla sedia accanto alla tua.” Mariano Arenella/Elena Ferrari

 

Location

Casa Bossi a Novara, un monumento assoluto, uno dei più bei palazzi neoclassici d’Italia, frutto dell’avveniristica genialità architettonica di Alessandro Antonelli, capace di unire lo splendore del neoclassicismo alla composta eleganza dell’ottocento, un vero e proprio luogo del cuore della Novara d’altri tempi. I suoi ampi spazi e la sua suggestiva architettura, ne fanno un teatro naturale di 150 posti, mentre il fascino dei suoi portici sono un chiaro invito a fermarsi, a stare in ascolto di una possibile prossima epifania.

Casa Bossi Lab Experience

Il progetto Casa Bossi Lab Experience, intende offrire una mostra guidata interattiva nella splendida Villa Antonelliana che avrà come protagonisti alcuni dei personaggi più famosi e particolari che negli anni hanno abitato la casa, come ad esempio Olga Biglieri, la prima aviatrice donna in Italia, o Sebastiano Vassalli. Lo spettatore potrà visitare alcune stanze della casa interagendo con esse, potrà attivare riproduzioni audio/video tramite alcune precise azioni che sarà invitato a compiere. Il progetto, è frutto di un percorso di alternanza scuola-lavoro, e vede il coinvolgimento diretto degli alunni e delle alunne del Liceo Artistico “F. Casorati” e dell’Istituto Tecnico Tecnologico “Fauser” sia nella sua fase progettuale che in quella realizzativa. Saranno loro le guide che accompagneranno il pubblico in questo viaggio interattivo. L’accesso al pubblico sarà gratuito. Il percorso si potrà compiere solo durante le serate de “Le notti di Cabiria a Casa Bossi”. L’accesso sarà possibile dal tardo pomeriggio fino all’inizio dello spettacolo.